ALOE VERA

IL MINI-MANUALE DELL’ALOE VERA

La natura ci riserva numerose risorse. Una di queste è indiscutibilmente l’Aloe Vera, pianta nota sin dai tempi antichi per le sue proprietà. Esistono centinaia varietà di Aloe, ed una specie tra queste viene frequentemente utilizzata in campo cosmetico e salutistico. Stiamo parlando dell’Aloe Barbadensis Miller, conosciuta anche come Aloe Vera. In questo articolo scopriremo tutte le proprietà dell’Aloe Vera e quando viene utilizzata come ingrediente cosmetico.

LA PIANTA DELL’ALOE VERA

L’Aloe Vera è un arbusto perenne che appartiene alla famiglia delle Liliacee (aloeacee). Le sue foglie lunghe e carnose, dotate di spine laterali, raggiungono una lunghezza fino a 40-60 cm. Vive in territori caratterizzati da un clima caldo e secco, molto resistente cresce anche nelle zone più aride e deserte.

La pianta dell’Aloe è originaria dell’Africa, ma ormai è diffusa in tutto il mondo data la facilità di coltivazione. Questo straordinario vegetale sopravvive anche nelle condizioni più estreme grazie ad una curiosa peculiarità: è in grado di chiudere i suoi pori per trattenere i liquidi ed evitare così un’inutile dispersione della propria umidità.

L’Aloe Vera è una pianta autosterile, ovvero si riproduce solo con l’impollinazione incrociata, dato che i fiori maschili e quelli femminili della stessa pianta non si incrociano tra loro.

LA STORIA DELL’ALOE VERA

L’Aloe Vera è conosciuta da millenni per le sue proprietà medicinali: è citata nell’Antico Testamento, nei Vangeli e in documenti antichissimi che tramandano l’uso dell’Aloe presso gli Egizi, i Cinesi, gli Indiani e i popoli Arabi.

Gli antichi Egizi la definirono pianta dell’immortalità e usavano piantarla presso l’entrata delle piramidi per indicare il cammino dei Faraoni verso la terra dei morti. Veniva usata anche come ingrediente nella preparazione dei balsami per la mummificazione, come nel caso del Faraone Ramses II. Il documento più antico in cui si fa riferimento all’Aloe Vera pare sia il Papiro di Ebers (circa 1500 a.C.), che è attualmente conservato all’Università di Lipsia, nel quale sono elencate le proprietà salutari di questa pianta. Inoltre pare che anche Nefertiti e Cleopatra usassero la sua polpa sul viso come crema idratante per mantenere la pelle giovane.

Citazioni circa le virtù terapeutiche dell’aloe vera si ritrovano anche nei manuali medici della dinastia Sung, datati intorno al 1276 a.C. Anche gli Antichi Romani sfruttavano l’Aloe soprattutto per le sue proprietà cicatrizzanti: era utilizzata per il trattamento delle ferite di guerra dei soldati.

Molti altre citazioni dell’Aloe seguirono nel tempo, da Ippocrate a Dioscoride, ai ricercatori inglesi Smith e Stenhouse nel 1851, e nel 1935 con Creston Collins. Finché, nel 1959, il ministero americano della sanità, dichiarò ufficialmente le capacità curative di questa pianta nel caso di bruciature e ustioni. Da questo momento l’Aloe Vera è diventata oggetto di ricerche scientifiche in tutto il mondo, ricerche che vengono effettuate tutt’ora e sono stati in molti a garantirne i benefici per le più svariate patologie.

COMPOSIZIONE CHIMICA

minerali contenuti sono: fosforo, potassio, calcio, ferro, magnesio, zinco, sodio, cloro, alluminio, boro, manganese, bario, rame, cromo e silicio.
Le vitamine invece sono: vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B6, B12, vitamina C ed E.

Contiene i seguenti aminoacidi essenziali: Isoleucina, Leucina, Lisina, Metionina, Fenilalanina, Treonina, Triptofano, Valina. Questi invece gli aminoacidi secondari: Acido aspartico e glutammico, Arginina, Alanina, Glicina, Istidina, Prolina, Serina Tirosina.

L’aloe vera contiene inoltre Lignina, Aloina, Acido cinnamico, Antracene e molte altre sostanze.

PROPRIETÀ COSMETICHE E UTILIZZI

L’Aloe Vera è caratterizzata da una consistenza “carnosa”. Le sue foglie, infatti, contengono una polpa simile ad un gel: un vero e proprio concentrato di proprietà benefiche. Questo gel serve alla pianta per proteggersi dall’aridità e a sopravvivere ai climi desertici.  Inoltre crea una pellicola protettiva nel caso di rottura della foglia, impedendo eventuali contaminazioni batteriche.

Il gel dell’Aloe Vera non ha dimostrato effetti collaterali e può essere utilizzato senza problemi da tutti, molto buono anche per i bambini. Bisogna stare attenti solo in casi di allergia alla pianta, fenomeno raro.

Le sue proprietà sono:

  • IDRATANTE
    Previene la secchezza cutanea ed ha un buon effetto idratante, senza dare la sensazione di unto sulla pelle.
  • CICATRIZZANTE
    L’aloe stimola e accelera la rigenerazione delle cellule dei tessuti danneggiati, favorendone la cicatrizzazione. La presenza di due ormoni vegetali, l’auxina e la gibberelline, accelerano la guarigione riducendo l’entità delle cicatrici.
  • IGIENIZZANTE/PURIFICANTE
    Utile per contribuire ad alleviare e risolvere il problema della forfora del cuoio capelluto, così come ad asciugare e permettere una rapida guarigione dei brufoli.
  • RIGENERANTE
    Il suo complesso chimico ricco di nutrienti costituisce un’ottima fonte di “nutrimento” per la pelle, così come i capelli, contribuendo a stimolare la crescita se applicato sulla cute.
  • ANTIOSSIDANTE/ANTI-AGE
    Il gel di Aloe Vera ha un alto contenuto di composti antiossidanti tra i quali ci sono la vitamina C, il beta-carotene e la vitamina A. Queste sostanze idratano la pelle e contribuiscono a mantenerla elastica. Usare il gel regolarmente è un ottimo rimedio per contrastare l’invecchiamento precoce della pelle.
  • LENITIVO
    Risolve fastidi e bruciori accelerando la guarigione. La composizione chimica dell’Aloe inibisce la produzione dei neurotrasmettitori prodotti localmente dai tessuti danneggiati, che provocano il dolore e l’arrossamento delle infiammazioni cutanee.
  • RINFRESCANTE
    L’effetto lenitivo e rinfrescante dell’Aloe dà sollievo alle scottature e stimola il rinnovamento della cute.
  • VEICOLANTE
    La sua consistenza gelatinosa rende il gel di Aloe un ottimo veicolante di oli essenziali quando se ne fa un uso locale.

Ecco di seguito i vari utilizzi per la pelle di questa pianta miracolosa:

  • Infiammazioni e dermatiti
  • Escoriazioni e ferite
  • Eritemi solari e ustioni lievi
  • Prurito, punture di insetti, bolle
  • Funghi
  • Brufoli
  • Macchie scure della pelle
  • Secchezza
  • Forfora, capelli spenti
  • Prime rughe, borse, occhiaie
  • Smagliature
  • Gambe stanche, piedi gonfi

ALOE VERA NEL TUO GIARDINO? PERCHÉ NO!

Coltivare Aloe vera

Se vivete in un luogo caldo e soleggiato, perché non coltivare questa pianta prodigiosa nel vostro giardino? Si tratta di un processo semplice, ma dalle immense soddisfazioni! Consigliamo comunque di coltivarla in vaso: la pianta non deve mai essere esposta a temperature inferiori a 0 gradi centigradi; in ogni caso la temperatura più idonea sarebbe tra i 20-25 gradi. Per questo motivo la soluzione in vaso è la più comoda, potrete spostarlo in casa a seconda delle condizioni climatiche a patto che sia posizionato sempre in una zona soleggiata dell’abitazione (deve ricevere almeno 4 ore di luce). Fate attenzione a scegliere un vaso ampio, con almeno 60 cm di diametro, in modo tale da lasciare alla pianta lo spazio necessario a svilupparsi e crescere forte. Si consiglia di utilizzare un concime naturale per arricchire il terreno e i suoi nutrienti. L’Aloe Vera è capace di trattenere i liquidi, perciò non è necessario annaffiarla con frequenza: una volta al mese durante i periodi più freddi e una volta alla settimana in estate. Cercate di non bagnare le foglie durante l’annaffiamento, ma inumidire solo il terreno.

Estrarre il gel dell’Aloe Vera

Estrarre il gel dell’Aloe Vera dalle sue foglie, è un procedimento abbastanza semplice. Innanzitutto è importante attendere che la pianta sia matura. Ci vorrà un po’ di pazienza: per sviluppare tutte le caratteristiche benefiche, la pianta deve avere almeno 3 anni di vita. Fate attenzione ad estrarre il gel solo nel momento del bisogno, una volta ricavato può essere conservato in frigorifero per circa 3-4 giorni.

  • Prelevare una foglia dalla pianta
  • Recidere la foglia partendo dal basso verso l’alto
  • “Pelare” la foglia con l’aiuto di un coltello affilato
  • Con l’aiuto di un cucchiaio, estrarre il contenuto gelatinoso della foglia
Facile vero? 4 passaggi semplici per ricavare il tuo gel all’Aloe Vera puro al 100%!

 

Scopri i nostri fantastici prodotti con estratto puro di Aloe Vera!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

0